IL GIARDINO ALPINO
 VALDERIA
Circa 400 specie di piante raccolte
 nel cuore del Parco delle Marittime
Claudio Trova

torna a SPECIALE VALLE GESSO


Un ampio sentiero, recentemente tracciato tra i radi larici che occupano il terreno ghiaioso alla confluenza del vallone del Valasco e della valle della Valletta, conduce con breve percorso dal parcheggio delle Terme di Valdieri (in valle Gesso) al caratteristico ponte in legno che, varcando l'impetuoso torrente, porta all'ingresso del giardino alpino Valderia.

INFORMAZIONI UTILI
 
Accesso stradale: da Cuneo si raggiunge Borgo S.Dalmazzo, quindi S.Anna e Terme di Valdieri.
Apertura: da metà giugno a metà settembre con orario 8-12 e 14-18 compresi i giorni festivi; l'ingresso è a pagamento. Informazioni: presso la sede amministrativa del Parco delle Alpi Marittime a Valdieri, tel. 0171 - 97397.


Luglio è forse il mese più indicato per ammirare le fioriture ma generalmente i manuali consigliano di visitare il giardino nel periodo giugno-settembre.
La visita, che può anche essere condotta in compagnia di personale specializzato, si realizza con una camminata attraverso una dozzina di habitat (risorgiva, torbiera, megaforbieti, rupi, etc.), taluni già presenti sul sito, altri creati ad opera dell'uomo ma in tutto analoghi a quelli che si possono osservare sulle cime circostanti.

GALLERIA FOTOGRAFICA
fioritura

Il Valderia raccoglie "soltanto" la flora locale ! "Soltanto" è tuttavia parola da pronunciare con un pizzico di ironia
ci troviamo infatti in una parte delle Alpi con caratteristiche botaniche del tutto particolari, dove sono presenti circa 2600 specie vegetali, pari ai 2/3 di quelle francesi ed alla metà di quelle italiane

Se si considera inoltre che nelle Alpi Marittime sono presenti una trentina di specie endemiche, cioè rinvenibili soltanto tra queste vallate ed in nessun altro luogo del mondo (tra cui appunto la Viola Valderia), ben si comprende quanto valide siano le motivazioni di racchiudere nei 6000 metri quadri di giardino "soltanto" le specie presenti nel territorio circostante,
più esattamente una valida rappresentanza (400 circa) delle stesse